News
Home » News » lettura News
Da Maui a Scanno, passando per Fyn: l'ITU Cross Triathlon parla statunitense, XTERRA parla italiano
fyn 2018
14-07-2018.

Se l’ITU Cross Triathlon nasce ispirandosi a XTERRA, su entrambi i circuiti mondiali sventola sempre più il tricolore: di ritorno dai successi nella rassegna iridata di Fyn, in Danimarca, la squadra azzurra vi dà appuntamento a Scanno

Lo sapevate che è proprio a XTERRA, nata nel 1996, che l’International Triathlon Union Cross Triathlon, nel 2011, si è ispirata per le prima gare internazionali X-tri? Tipicamente declinata sulle distanze di 1 chilometro a nuoto, tra i 20 e i 30 in Mtb, e tra i 6 e i 10 di trail run, la disciplina del triathlon off road è infatti nata sull’isola hawaiana di Maui, per poi dare i natali al circuito indipendente che oggi conosciamo e di cui orgogliosamente X-tribe fa parte con ben due gare nel bel paese (a Toscolano Maderno, new entry sul Lago di Garda, e a Scanno, per la classicissima d’Abruzzo).  

 

fyn podium male

 

Ma i motivi di vanto per l’Italia del triathlon off road non finiscono qui: di ritorno con un ricco bottino dalla rassegna iridata ITU Cross Triathlon World Championship a Fyn, in Danimarca, gli atleti della nazionale danno appuntamento proprio a XTERRA Scanno per rinsaldare il rapporto che lega il nostro paese all’evoluzione sportiva e organizzativa di questa entusiasmante attività outdoor per amanti della natura e dello sport sostenibile. La sesta edizione della gara nel cuore del Parco Nazionale d'Abruzzo, tra montagne, lago e scorci suggestivi, andrà in scena domenica 22 luglio e promette il consueto spettacolo: non scherzano i tracciati (tra i più impegnativi del circuito continentale) di 1.5, 30 e 10 chilometri. Ma non scherzano nemmeno loro: convocati in raduno dal responsabile del settore Multisport Alessandro Alessandri, presenti alcuni dei migliori specialisti, tra quelli che più si sono distinti nei precedenti eventi di sviluppo del Progetto Cross FITri (Federazione Italiana Triathlon) coordinato da Massimo Galletti, che collabora con XTERRA per aumentare qualità tecnico-agonistica e interesse per la tribù off road della triplice.

Attesi a Scanno per un camp multisport del 21 e 22 luglio in cui saranno supportati da Alessandri e Galletti gli Elite Andrea Zanenga (Granbike Veloclub), Mattia De Paoli (G.P. Triathlon), Fausto Fognini (Pool Cantu’ 1999), Francesco Nicolardi (Triathlon Pavese), Filippo Rinaldi (Cus Parma), Mattia Zontini (Triathlon Pavese), Riccardo Ridolfi (Triathlon Duathlon Rimini), Sandra Mairhofer (Granbike Veloclub), Bianca Morvillo (Granbike Veloclub). Tra i giovani, gli Under 23 Marcello Ugazio (Atletica Bellinzago), Emanuele Aru (Villacidro Triathlon), Tommaso Gatti (Pool Cantu’ 1999) e Matteo Bozzato (Granbike Veloclub) oltre agli Junior Matteo Violi (Vis Cortona Triathlon) e Leonardo Pasquotto (Triathlon Pavese), questi ultimi in gara sulle distanze sprint di 0.57, 14 e 6 chilometri. 

Occasione per una valutazione dell’attuale condizione degli atleti, degli esiti del lavoro svolto finora e in vista delle selezioni per il team che parteciperà ai Campionati Europei di Ibiza a ottobre, XTERRA Scanno vedrà sulla propria start line alcuni tra gli azzurri più medagliati agli ultimi mondiali Multisport: ricordiamo il titolo iridato Under 23 di Marcello Ugazio (anche campione italiano in carica di triathlon medio) davanti al francese Chane e al sudafricano Ferreira (7° assoluto tra gli Elite nella classifica dominata dallo spagnolo Ruzafa, sul podio con il neozelandese Osborne e il transalpino Daubord). Emanuele Aru, invece, torna in Italia con un 4° posto tra gli Under 23, a soli 27 secondi dalla zona medaglie (17° assoluto): primo italiano fuori dall’acqua e combattivo in bici insieme a Ugazio, fino all’ultimo ha lottato con Ferreira e Macnair per il bronzo. Il campione italiano in carica di specialità Filippo Rinaldi arriva da Fyn con un 15° posto: frazione bike un po’ sofferta, ma solido allungo a piedi per risalire la classifica degli Elite.

Grande assente in Abruzzo la campionessa italiana Eleonora Peroncini (Cus Parma): dopo il bronzo iridato Elite, causa impegni lavorativi non potrà confermare il suo splendido stato di forma sul tracciato di Scanno. Molto dispiaciuta, già promette: «A questa edizione, purtroppo, dovrò mancare. Impossibile rinunciare alla prossima». Del resto, come darle torto?

Condividi

Immagini correlate

© Copyright - X-tribe

Il sito di XTERRA Italy è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A.

Questo sito non utilizza cookie di profilazione. Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per analisi e servizi di condivisione sui social network.
Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni leggi l'informativa estesa sull'uso dei cookie dove sono specificate le modalitÓ per configurarli o disatt Ok